PODIO rally Camaiore 2012

Dominio di Lucchesi-Ghilardi al 18° Rally Città di Camaiore

COMUNICATO STAMPA

DOMINIO DEL DUO LUCCHESI-GHILARDI CON LA PEUGEOT 207 SUPER 2000, IL DUO LUCCHESE E’ COSI’ AL QUINTO SUCCESSO CONSECUTIVO AL RALLY CITTA’ DI CAMAIORE. IN EVIDENZA SIMONETTI-MANFREDI CON LA CLIO R3 CHE E’ SECONDO CONFERMANDO IL SUO MOMENTO DI GRAZIA CON LA USUALE CLIO R3, MENTRE TERZO ARZA’-BENASSI CON LA CLIO S1600.

Camaiore (LU), 22 settembre 2012

L’edizione numero diciotto del Rally città di Camaiore ha avuto un unico dominatore: il duo lucchese composto da Gabriele Lucchesi e Titti Ghilardi porta così a cinque i successi (inoltre consecutivi) alla gara organizzata dalla scuderia Balestrero. L’equipaggio della Best Lap si è aggiudicato tutte e otto prove speciali in programma e si è confermato così il Re del Camaiore. Partito subito all’attacco, Lucchesi ha sempre di più incrementato il vantaggio prova dopo prova e controllato agevolmente gli avversari. Ha infatti approfittato di poter sfruttare al meglio la vettura quattro ruote motrici a disposizione e della sua sempre più padronanza della sua Super 2000 che ha guidato con autorità nel fondo stradale reso viscido da una acquata prima della partenza che ha messo in difficoltà la maggior parte degli equipaggi. Un determinato Andrea Simonetti, affiancato dalla giovanissima Jasmine Manfredi, ha confermato il suo momento d’oro posizionandosi alle spalle del leader e mantenendo la posizione fino alla fine con la usuale Renault Clio R3. Lo spezzino Claudio Arzà navigato dal locale Maurizio Benassi ha invece colto alla fine l’ultimo gradino del podio con la Renault Clio S1600 dopo un inizio in salita a causa di una non idonea scelta di gomme. Regolare il passo di Matteucci-Pellegrini con la Clio S1600 giunto subito sotto il podio, mentre Fanucchi-Portera ha effettuato una gara senza errori con la Renault Clio RS aggiudicandosi la classe N3. Sfortunato Barsotti che, addirittura terzo assoluto a fine del primo giro, butta tutto all’ortiche per una uscita di strada nella quarta PS. Sesto assoluto un altro protagonista della classe N3 Mancini-Salvetti con una gara in crescendo con una Clio RS. Il Campione di zona in carica Giannecchini in coppia con Della Maggiore con la usuale Clio S1600 è settimo non trovandosi a suo agio con il fondo viscido delle prove di Lucese e Fiano. Dopo un inizio in salita il friuliano Padoan in coppia con la Bolzan recupera e coglie la ottava piazza, grande prestazione dei locali Bertolozzi-Ragghianti che riescono a concludere addirittura in nona piazza assoluta con la piccola e maneggevole Fiat Seicento Sporting. Chiudono nei top ten Piacentini-Rosi su Clio Williams. Sono 50 gli equipaggi che hanno concluso la manifestazione della scuderia Balestrero dei 72 partiti e momento di grande commozione durante la consegna al duo vincitore sul palco d’arrivo dei Trofei Catelani-Bertoneri che sono stati consegnati dalla madre e dalla sorella della sfortunata navigatrice Daniela. Apprezzata da tutti gli addetti ai lavori inoltre l’installazione in ogni vettura del sistema GPRS che ha permesso la localizzazione in tempo reale delle vetture lungo il percorso, uno strumento in più per la sicurezza dello sport dei rally. Successo anche di pubblico sia lungo il percorso sia alla partenza e all’arrivo che ha seguito il Rally nella nottata e che ha avuto in Camaiore e nella Cittadella del Carnevale i due principali poli dove si sono dati appuntamento i numerosi appassionati delle quattro ruote.

CLASSIFICA ASSOLUTA

  1. Lucchesi-Ghilardi Peugeot 207 Super 2000 in 55’37”8
  2. Simonetti-Manfredi Renault Clio R3 a 1’31”6
  3. Arzà-Benassi Renault Clio Super 1600 a 2’14”0
  4. Matteucci-Pellegrini Renault Clio R3 a 2’52”0
  5. Fanucchi-Portera Renault Clio RS a 3’28”2
  6. Mancini-Salvetti Renault Clio RS a 4’10”3
  7. Giannecchini-Della Maggiore Renault Clio S1600 a 4’26”8
  8. Padoan-Bolzan Renault Clio Williams a 4’35”5
  9. Bertolozzi-Ragghianti Fiat Seicento Sporting a 4’51”2
  10. Piacentini-Rosi Renault Clio Williams a 5’03”3

Tags: , , , , ,



Commenta con Facebook

Lascia un commento