casentino-youtube-small

Sossella-Nicola hanno vinto il 32° Rally del Casentino

Il vicentino Manuel Sossella, con Walter Nicola alle note, a bordo della Citroen C4 Wrc Tamauto si è aggiudicato la 32^ edizione del rally Casentino. Secondi assoluti il novarese Piero Longhi e Gigi Pirollo, con la Mini Wrc Twister Corse. Chiude il podio il lecchese Marco Paccagnella, con Beniamino Bianco, a bordo della Ford Focus Wrc RP Motorsport che, nella “lunga” di Talla hanno scavalcato il locale Roberto Cresci, con Fabio Ciabatti (Citroen Xsara Wrc Max Racing).

Nel video una veloce sintesi della gara, nei prossimi giorni pubblicheremo la puntata con la sintesi completa della gara

Avversario principale di Sossella, pur non iscritto alla serie Irc, il sammarinese Denis Colombini, con Bizzocchi alle note, in testa alla gara al momento del ritiro per uscita di strada con la Citroen C4 Wrc Tamauto, nel corso della quarta speciale.

Piero Longhi, con Gigi Pirollo alle note, ha provato a contenere il passo del vincitore, sfruttando al limite la potenzialità della Mini Wrc colorata Twister Corse, in debito di potenza nei confronti della Citroen C4 Wrc di Sossella. Suo comunque il miglior tempo sui 35 km della “lunga” di Talla, con il record appartenente a Cunico migliorato di un secondo. Il due volte campione italiano rally, con il secondo posto al Casentino, consolida il suo quarto posto nella classifica generale Irc Pirelli.

La lotta per il terzo posto, al rally Casentino, ha visto prevalere alla fine il lecchese Marco Paccagnella, con Beniamino Bianco, a bordo della Ford Focus Wrc della DP Motorsport, con la quale sale al secondo posto assoluto nella serie Irc Pirelli. Qualche problema di assetto nella prima parte di gara, risolto nel finale lo hanno tenuto in lizza per il podio ma l’episodio decisivo è avvenuto nella speciale conclusiva in notturna. Dove il veloce pilota locale Roberto Cresci, con Fabio Ciabatti a fianco, terzo per quasi tutta la gara, con tempi a livello di quelli di Longhi, non riusciva ad evitare l’impatto con un capriolo, che gli distruggeva la fanaliera. Il ritardo inevitabile accumulato toglieva a Cresci la gioia del podio, peraltro meritatissimo.

Strepitoso il quinto posto assoluto del giovane Stefano Albertini, con Simone Scattolin, autori ancora una volta di una gara di alto livello, con la Renault Clio R3C, con la quale sono secondi in campionato Irc Pirelli e primi nel Trofeo Renault New Clio. Avversario più ostico per Albertini l’aretino Luigi Caneschi, con Michele Perna alle note, rallentati nella prova finale da una foratura.

L’ultima speciale è stata fatale per il comasco Luca Ambrosoli, con Corrado Viviani (Citroen Xsara Wrc), quinti assoluti al momento del ritiro, mentre la rottura dell’idroguida della Peugeot 207 ha rallentato la corsa vincente in classe Super 2000 del bergamasco Stefano Capelli, con Elio Tirone alle note. Precipitato dal sesto posto assoluto al 16esimo finale, Capelli riesce a conservare il primato nella classifica generale Irc Pirelli.

Al sesto posto assoluto il follonichese Alessio Santini, con Susanna Mazzetti a fianco, si rilancia nel campionato con la Renault Clio Super 1600 Autovà, conducendo in testa dall’inizio alla fine il rally Casentino.

Tra i Trofeisti del Citroen Racing Trophy si è imposto il varesino Andrea Crugnola, con Michele Ferrara, che si è imposto sul plotone della Citroen Ds3 R3 presenti.

Diciassettesimo assoluto e primo tra gli equipaggi iscritti alla Mitropa Cup, per la quale il rally Casentino era valevole, si è classificato il bolzanino Berndt Zanon, con Florian Zelger, a bordo di una Renault Clio Super 1600.

Tra i Trofesti della serie Twingo Gordini, ancora una vittoria per Roberto Vescovi e Giancarla Guzzi, con Marcello Nicoli, navigato da Gabriele Romei, che gli hanno complicato il cammino fino alla fine.

In gara al rally Casentino anche le vetture Storiche, tra le quali hanno prevalso i tedeschi Thull-Thull su Porsche 911 Sc.

Tags: , , , , , , , , , , , , ,



Commenta con Facebook

Lascia un commento