rally-pistoia-puntata

Puntata 77 (PS77) – 34° Rally Città di Pistoia

Il Rally Città di Pistoia, quest’anno tornato come base a Casalguidi, con un percorso di gara, in parte rinnovato, ha esaltato Gabriele Lucchesi afficancato da Titti Ghilardi, che ha preso il comando delle operazioni già dal primo impegno cronometrato cercando subito l’allungo. La prestazione di Lucchesi è stata cristallina, sempre deciso e concreto in ogni “piesse” e alla fine ha preceduto, sotto la bandiera a scacchi, il locale Fabrizio Nannini, in coppia con Cavaciocchi (Peugeot 207 S2000), mentre terzo é giunto il lucchese Rudy Michelini, con Castiglioni alle note, su Renault Clio S1600.

All’interno della puntata la sintesi dei Top-Ten, delle classi e delle autostoriche con le interviste ai protagonisti del 34° Rally Città di Pistoia.

Tra i mancati protagonisti di questa gara troviamo Stefano Bizzarri, già vincitore di due edizioni della gara (1988 e 2011), tradito dal cambio della Abarth Grande Punto S2000 (che guidava per la prima volta), ancor prima di entrare nella prima prova speciale. Mirco Pieragnoli, debuttante con la Citroen DS3 R3, con la quale, uscito di strada durante la quarta Prova Speciale, occupava l’ottava posizione assoluta. L’equipaggio Moricci-Garavaldi, vincitori della scorsa edizione, per tre  quarti di gara nei quartieri alti della classifica  con la Mitsubishi Lancer Evo IX Gruppo R, stoppato sul penultimo crono da un problema al collettore della turbina.

Classifica finale assoluta:

  1. Lucchesi-Ghilardi (Peugeot 207 – S 2000) in 47’57.4;
  2. Nannini-Cavaciocchi (Peugeot 207 – S 2000) a 57.8;
  3. Michelini-Castiglioni (Renault Clio – S 1600) a 1’20.8;
  4. Rovatti-Bosi (Peugeot 106) a 2’09.6;
  5. Giannini-Solari (Abarth Grande Punto) a 2’13.9;
  6. Bettini-Acri (Renault New Clio) a 2’34.2;
  7. Tomassini-Bizzocchi (Renault Clio – S 1600) a 2’35.2;
  8. Marchi-Salotti (Renault Clio) a 2’37.2;
  9. Caldani-Mometti (Abarth Grande Punto) a 2’40.2;
  10. Iacomini-Pellegrini (Subaru Impreza) a 2’48.6;



Commenta con Facebook

Lascia un commento